Proverbi calabresi

Asino, ciuchino, asinello
U ciùcciu o sceccu

I ditti calabrisi

  • Attacca lu ciùcciu duvi dicia lu patruni (lega l’asino dove comanda il padrone/obbedisci al padrone che ti comanda/fai quello che dice il padrone)
  • A jumi cittu un jia piscà (non andare a pescare nel fiume silenzioso/non fidarti delle persone silenziose)
  • A megliu parola è chilla ca ‘nun si dici (la parola migliore è quella che non si dice)
  • A zirra d’a sira stipala pa matina (la rabbia della sera conservala per il mattino)
  • Chi di spiranza campa dispiratu mora (chi vive di speranza, disperato muore)
  • Criscianu l’anni e criscianu i malanni (con l’aumentare degli anni, aumentano anche i malanni)
  • Cu pocu si vivi e cu nenti si mori (con poco si sopravvive e con niente si muore)
  • Si vù campari sanu, dì parenti statti luntanu (se vuoi vivere bene, dai parenti stai lontano)
  • Quandu erumu fidanzati caramelli e ciucculati, mò ca simu ‘nzurati pani duru e bastunati (quando eravamo fidanzati caramelle e cioccolato, ora che siamo sposati pane duro e bastonate)
  • Vù sapì qualè u megghju jiocu? Fai beni e parla pocu (vuoi sapere qual è il gioco migliore? Fai del bene e parla poco)
  • Chini zappa fuijndu cogghji chiangindu (chi zappa di fretta, raccoglie piangendo)
  • Maru chini sta ‘mpisu all’amuri, na vota nasci e natri cintu mori (è triste chi dipende dall’amore, una volta nasce e cento muore)
  • Chini tena sordi faci sordi, chini tena piducchi faci sulu piducchi (chi ha soldi fa soldi, chi ha pidocchi continua a fare pidocchi)
  • A lingua batti adduvi u denti doli (la lingua batte dove fa male il dente)
  • Casa senz’ammuri, casa cu duluri (casa senza amore, casa con dolori)
  • Ognunu tira l’acqua allu propriu mulinu (ognuno tira acqua al proprio mulino)
  • A bbona jurnata si vida da matina (il buongiorno si vede dal mattino)
  • Chini vò u viziu sadda mantena (chi vuole il vizio lo deve mantenere da solo)
  • Sa caffettera è chjina i cafè vò dicia ca dintru a casa l’abbunza c’è (se la caffettiera è piena di caffè vuol dire che in casa c’è abbondanza)
  • Chini non si fa i fatti sua ca lanterna va circando guai (chi non si fa’gli affari suoi, con la lanterna va’ cercando guai)
  • A monacella trova sempri a cumpagna (il fungo porcino trova sempre il suo compagno)
  • Di fimmini e du mari nun ti fidari (non ti fidare né delle donne, né del mare)
  • Si u cippu veni trasutu u matrimonio veni conclusu, ma si resta fora a porta è signu i mala sorta (se il ceppo viene portato in casa il matrimonio è concluso, ma se resta fuori la porta è segno di mala sorte)
  • Chini tena santi va dirittu in Paravisu (chi ha santi va’ diritto in Paradiso/va’ avanti chi ha conoscenze/raccomandazioni)
  • Nun c’è vecchiu senza duluri, nun c’è giuwanu senza l’amuri, nun c’è maju senza fjiuri (non c’è vecchio senza dolori, non c’è giovane senza amore e non c’è maggio senza fiori)
  • I dinari puru i murti fannu parlari (i soldi fanno parlare anche i morti
  • Chini joca sulu nun s’arraggia maij (chi gioca da solo non si infuria mai)
  • Fravaru curtu e amaru (febbraio è corto e amaro)
  • A fimmina ‘mpasta e ‘mpasta, u furnu conza e guasta (la donna può impastare all’infinito, ma è il forno che aggiusta e guasta)
  • Friji i pisci e guarda a gatta (friggi i pesci e guarda il gatto)
  • Mò che fjiurutu u mindulu l’ammuri è dintra e nun escia cchiù fori (ora che il mandorlo è fiorito, l’amore è dentro e non esce più)
  • Ca luci da lumera ogni fimmina pari bedda (con la luce del lume, ogni donna sembra bella)
  • U bisugnu ‘mpara a via (il bisogno ti insegna quale strada prendere)
  • Puri i pulici tenanu a tussi (Anche le pulci hanno la tosse)
  • Alla tavula e alla mujieri ‘mbicinati cu boni maneri (a tavola e alla moglie avvicinati con educazione)
  • Pa Candelora u virnu nescia fora pi quaranta jiurni (per la Candelora, l’inverno dura ancora 40 gg)
  • Adduvi vidi a porta larga, tuni trasi i fiancu (se vedi una porta larga, tu entra di lato/non credere a promesse vane)
  • E stata a rigina c’avutu bisugnu da vicina (fu la regina che ebbe bisogno della vicina)
  • Chini tena pochi dinari sempri cunta, chini teni a mujieri bedda sempri canta (chi ha pochi soldi li conta sempre, chi ha la moglie bella canta sempre
  • Chini lassa la strata vecchia ppi chilla nova, sadi chi lassa ma nun sapi chillu ca trova (chi lascia la strada vecchia per quella nuova, sa’ cosa lascia ma non sa’ cosa trova)
  • Chini dijuna dui mali fa: l’anima perdi e ‘ntru l’infernu va (chi digiuna fa due mali: perde l’anima e va all’inferno
  • Tutti amici sunu finu a c’a majilla è chjina (tutti amici sono finché la maida è piena)