U jiurnu di murti

https://inesfavorita.files.wordpress.com/2019/11/cr.jpg

 

“Scindi ca ti rumpi a catina du cullu! Picchini ti sini abbillicata supra a chjianta d’avulivi?”

Nanna gridavidi, mentri hijia acchjianava supra na vranca. Eradi chjiu forti i mijia, sajjia supri i chjianti mi facividi senta n’avucillu cu i scilli grossi

“Scinda t’ajiu dittu, a ttijia adduvi ti lassu a sira nun ti cci truvu a matina”

“Oji na’ stajiu bbona cca supra. Si scindu mi paliji di sicuru”

“Noni noni, nun ti tuccu. Muviti a scinda da chjianta c’ama jini alla Missa, ghoji edi u jurnu di murti”

“Ah picchissu a jiutu a cojjia i juri! Ppi purtani allu campusantu”

“Vida cumu ti sini cumbinata! A vesticella nova tutta mungiuwuijiata, e ssi bbelle scarpicelle tutti scurciati. Mù ta facera na palijiata! Vini ccani ca ti fazzu vida hijia!”

‘Mpressa ‘mpressa mi signu ammucciata arriti u stirru, mentri nanna ccu nu savuciu mmanu cercavidi i m’accunchjia

“Lassa a stani ssa crijiatura, puru ghoji ca su ddi murti!”

Nonnoni eradi esciutu da cucinella vastutu a nnuvu, a giacchetta nova e a coppula da festa supra a capu

“Ma a vista cumu s’edi sujjiata? Edi nu ripulu, non abbitati maji”

“Edi crijiatura, u simu stati puru nuwa”

“Vabbunu, aviti sempri arraggiuni vuwa. Vidi nu pocu duvi s’edi ammucciata, hijia vajiu a pijjiani i jiuri ppu campusantu”

Chjianu chjianu signu esciuta du stirru, avivu ancora nu pocu i tremarella, nanna cu chillu savuciu m’avivadi fattu daveru spagnani. Ah si m’acchjiappavadi! Cumu sardellijiavidi chillu savuciu ‘mbacci ssi gambi

“Jiamu Inissella, nannita s’edi tranquillijiata nu pocu. Ma tuni ada finiscia i fani a dispittusa, propriu ghoji avivisi sajjia supra a chjianta?”

“Ah nonnò puru tuni muni ti ci mitti?”

“Noni noni! Jamu peròni prima ca cuminciadi n’atra vota a sbrajitani”

Nanna aspettavidi supra u spandituru ccu i jiuri ‘mmanu

“Ah na’ vota! Tuttu eradi i navutra manera”

“Chidi oji na’?!”

“A festa di murti venivadi unurata di cchjiuni. Figurati ca a sira tutti quanti jivunu allu campusantu e arrivati vicinu a tomba du caru murtu, si mittivanu a prigani ppi ll’anima suwa e dopu facivanu nu bbanchettu supra a tomba e ‘mbitavanu puru chini passavidi di ll’ani”

“Oji na’ daveru? Si mangiavidi allu campusantu?”

“Sini, na’ vota peroni. Muni tanti tradizziuni si sunu persi. A sira prima du duji novembri si preparavanu i durci di murti ppi ll’offra alli cari ppi i fatichi du viaggiu”

“Cchi fatichi?”

“Eh! A quantu dicivanu l’antichi, a notti tra u primu e u duji i novembri i murti tornanu ognunu alla casicella suwa e stanchi du lungu viaggiu, s’avivanu sumani pristu ppi lassani u littu libberu, accussini i murti si putivanu ripusani. Ma ppi fani turnani, nun s’avivanu scurdani i lassani nu lumicillu appicciatu supra a finestra ppi ci fa’ truvani a strata, nu sicchjiu i acqua frisca, nu pocu i pani e nu pocu i mangiani”

“Daveru? E turnavanu alla casa?”

“Mah! Ccussini dicivanu l’antichi”

“Oji na’ t’a sscuradatu na’ cosa”

“Cchidi?”

“Cchi si mangiavidi allu campusantu?”

“Ah sini tanti cosi, cumu i favi di murti cucinati ppi unura’ i parinti scumparsi. Si cridivadi ca dintru i favi c’eranu ll’animi di murti ppi vvijia di radici longhi longhi c’arrivavanu all’inferi e mittivanu u tramiti tra i duji mundi: chillu di vivi e chillu di murti. Mah! Dicivanu ca u jiuri da fava viola cu na macchjicella nivura, atturnijiavanu a littira t gricia ch’eradi l’inizziu da parola morti, ma i grici a chiamavanu i n’atra manera, hijia nun m’arricurdu chilla strana parola, ama chjieda a mammita”

“Ma cchi va’ cuntandu a ssa piccirilla! A fa’ spagnani, finiscilla muni” dissi nonno’ nu pocarillu arraggiatu

“Oji nonno’, nun mi spagnu pu stani tranquillu, mi piaciunu ssi cosi i l’antichi. E chi sssi mangiavidi oji na’, sulu chissu?”

“Noni, puru u granu di murti. Ma u granu avivadi essa tennuru tennuru, vullutu e cunzatu ccu u mustu cuttu, granatu, ciucculata, nuci e canditi. Mangiani u granu fattu i chissa manera eradi di bbonaguriu pp’avini na’ vita longa longa. U granu edi u simbulu da vita, ma ppi cojjia a spica s’adda tajjiani e picchissu moradi. Ma u chicchicillu du granu nascia n’atra vota divintandu na spica sulu dopu essa murtu sutta terra. Picchissu u chicchicillu du granu venadi dittu ca edi u doppiu simbulu da vita ca nascjia da morti. Puni si preparavidi puru a lagani e ciciari ppi purtani a fertilitati, infatti l’antichi u jiurnu  si mangiavanu i ciciari e a sira prima ca punivadi u suli jivanu a chjiantani nu pocu i granu cumu bbonaguriu”

“Quanti cosi ca sani oji na’! Ma i durci? Qual eranu i durci di murti?”

“Unu t’ajiu dittu, u granu di murti. Puni si preparavanu i jiditi i l’Apostuli, certi viscutti c’assumijjiavanu alli jidita di na’ manu. Tutti ssi cosi venivanu preparati a sira prima e lassati supra u tavulu, accussini quandu ll’animi di parinti turnavanu alla casa si putivanu mangiani”

“E ghoji nun si fannu cchjiuni?”

“Mah! Forsi sini, forsi noni. I tradizziuni i na’ vota sunu quasi tutti scumparuti, cumu quandu si lassavidi supru u tavulu, dopu a morti du caru amatu, ppi tantu timpu, nu piattu puru ppi dd’hillu, nu pocu i vinu e nu mazzu i carti”

“E picchini?”

“E picchini?! Picchini quandu turnavanu avivanu mangiani, viva e puru jiucani alli carti. Cosi antichi fijjice’, a sapini ca i murti nun sunu murti veramenti, ma sunu vivi ‘ntra nu mundu vicinu a nnuwa, ‘nd’ajiutanu, ‘ndi proteggianu e ppi chissu s’anna sempri ricurdani e onorari ppi tutta a vita nostra. ‘Ndannu vulutu bbeni prima e ‘ndi vonnu bbeni puru muni”

Chi vulivadi dicia nanna mia?! I murti ssu murti, ma ll’anima loru viva sempri ‘ntra menti  nostra! Nun si ponnu scurdani chi ‘nda vulutu bbeni, loru restanu sempri ‘ntri cori nustri!

Il giorno dei morti

“Scendi che ti fai male! Perchè sei salita sull’albero d’ulivo?”

Nonna gridava mentre io mi arrampicavo su un ramo. Era più forte di me, salire sugli alberi mi faceva sentire di essere un uccello con le ali spiegate

“Scendi ti ho detto! Dove ti lascio la sera, non ti trovo al mattino”

“Nonna sto’ bene quassù, nel caso scendessi mi picchieresti”

“No no, non ti tocco! Muoviti scendi dall’albero, dobbiamo andare a messa, oggi è il giorno dei morti”

“Ah! Per questo hai raccolto i fiori? Per portarli al cimitero?”

“Guarda come ti sei conciata! Il vestitino nuovo tutto stropicciato e queste belle scarpette tutte scorticate! Ti prenderei a schiaffi, vieni  subito qui!”

Svelta svelta mi sono nascosta dietro la casa, rincorsa da nonna con un salice in mano

“Lascia stare la bambina, pure oggi nel giorno dei morti non si può stare in pace?”

Nonno era appena uscito dalla cucina, sulle spalle una giacca nuova e la coppola della festa sulla testa

“Hai visto come si è sporcata? E’ una lepre, non sta’ mai ferma!”

“Sono bambini, lo siamo stati anche noi”

“Vabbeh! Avete sempre ragione voi. Vedi un po’ dove si è nascosta, io vado a prendere i fiori da portare al cimitero”

Piano piano sono uscita dal mio nascondiglio, avevo ancora un po’ di tremarella, nonna  mi aveva fatto davvero spaventare. Ah se mi avesse raggiunta, come avrebbe sibilato quel salice sulle mie gambe!

“Andiamo Inissella, tua nonna si è calmata. Però  la devi finire di fare la dispettosa, proprio oggi ti dovevi arrampicare sull’albero?

“Nonno anche tu mi fai la ramanzina?”

“No no, andiamo adesso prima che ricominci di nuovo a gridare”

Nonna  aspettava sul pianerottolo con i fiori in mano

“Ah una volta! Tutto era diverso”

“Cosa nonna?”

“Il giorno dei morti si onorava di più. La sera del due novembre si andava tutti in processione al cimitero, e arrivati vicino la tomba del caro defunto si pregava per la sua anima. Dopo, invece, si allestiva un banchetto proprio sulla sua tomba in suo onore, e chiunque passasse da quelle parti veniva invitato per partecipare all’orazione e gustare tutto quello che si era preparato”

“Davvero nonna? Si mangiava al cimitero?”

“Sì, tanto tempo fa’. Oggi molte tradizioni si sono perse, allora invece, la sera prima del due novembre si preparavano i dolci dei morti per offrirli ai cari defunti per le fatiche dovute al lungo viaggio”

“Che fatiche?”

“Eh! A quanto dicono gli antichi, la notte tra il primo e il due novembre i nostri cari tornano ognuno nella propria casa, e stanchi del lungo viaggio dovevano trovare il letto libero per potersi riposare, un secchio di acqua fresca, del pane e un piatto di minestra. Ma per farli tornare non ci si doveva dimenticare di lasciare sul davanzale della finestra, una lanterna o una candela accesa per indicare loro la via”

“Davvero? E tornavano a casa?”

“Mah! Così dicevano gli antichi”

“Nonna, hai dimenticato una cosa”

“Cosa?”

“Che si mangiava al cimitero”

“Ah sì, molte cose come le fave dei morti, cucinate per onorare i cari scomparsi. Si credeva che all’interno delle fave  fossero racchiuse le anime dei morti, in quanto le radici della pianta molto lunghe, arrivavano agli inferi e quindi erano capaci di mettere in contatto il mondo dei vivi con quello dei morti”

“Davvero? E perché?”

“Il fiore  della fava è bianco con delle venature viola e una macchia nera che circondano la lettera t greca, l’iniziale della parola morte. I greci la chiamano in altro modo, non ricordo quella parola, devi chiedere a tua madre”

“Ma che vai raccontando alla bambina! La fai spaventare, finiscila!” disse nonno un po’ arrabbiato

“Nonno non ho paura, stai tranquillo! Mi piacciono le storie antiche. Nonna solo questo mangiavano?”

“No, anche il grano dei mortiMa il grano doveva essere tenero tenero, bollito e condito con mosto cotto, melograno, cioccolato, noci e frutta candita. Mangiare il grano preparato in questo modo, era di buon augurio per avere una vita molto lunga. Il grano è il simbolo della vita, per raccogliere la spiga la si deve tagliare, quindi muore. Ma il chicco del grano nasce di nuovo, diventando una spiga solo dopo essere morto sotto terra. Per questo motivo si dice che ha il doppio simbolo della vita nata dalla morte”

“Quante cose conosci nonna! Ma i dolci?”

“Uno te l’ho detto, il grano dei morti. Ma anche le dita degli Apostoli, dei biscotti che assomigliano alle dita di una mano. Tutte queste cose, venivano preparate la sera prima del due novembre e lasciati sul tavolo ben in vista, così quando le anime dei defunti tornavano nella loro casa ne potevano mangiare”

“E oggi non si preparano più?”

“Mah! Forse sì, forse no. Le vecchie usanze sono scomparse, come anche quando le famiglie, dopo la scomparsa del proprio caro, usavano apparecchiare anche per lui per moltissimo tempo, lasciando sul tavolo un po’ di vino e un mazzo di carte”

“E perché?”

“E perché! Perché quando tornavano dovevano mangiare e anche giocare a carte. Fatti antichi, devi sapere che i morti non sono morti veramente, ma continuano a vivere in un mondo vicino al nostro, da lì ci aiutano e ci proteggono. Ed è per questo motivo che si devono ricordare e onorare durante tutta la nostra vita. Ci hanno voluto bene prima e continuano a farlo anche se non vivono più con noi”

Cosa voleva dire mia nonna?! I morti sono morti! Ma la loro anima, il loro amore vive sempre nella nostra mente. Non si può dimenticare chi ci ha voluto bene, restano sempre nei nostri cuori!

@calabrisandoblog_inesfavorita_2novembre2019

2 pensieri riguardo “U jiurnu di murti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...