I fijji i marita’

https://inesfavorita.files.wordpress.com/2019/09/abito-sposa.jpg

 

Nanna chjicata ‘ntra l’urtu, nu panaru ‘nterra, stavadi cujjindu duji mulingianelle, senza sumani a capu da chillu ca stavadi facindu si misi a parlani

“Vini fijjia! Staju cujjindu duji muwangiani, nonnitu tena u gulìu di purpetti”

“Oji na’, sempri ‘ngignandu tindi stani”

“A matina fadi a jurnata fijjice’. Mi signu sumata prima di gallini hijia, ajiu adacquatu tuttu l’urtu, u sani ca chissi cosi s’anna fani a prima matina”

“Tini arraggiuni sempri tuni, l’e sempri dittu ca sini na vutta i sapiri”

“Jamu ja’ nun perda timpu, pijjia ssu panaru e jamunindi alla casa, mizzijiurnu vena lestu”

Dicindu i chissa manera, pijjiadi a zappicella ch’eradi pusata allu muru da stalla e cuminciadi a camminani versu a casicella

“Oji na’, l’è propriu vida cumi i fani ssi purpetti, i tua tenunu nu sapuru daveru specciali”

“Nun signu hijia, ma ssi muwangiani senza cuncimi, nun sunu cumi chilli ca cumpri allu mercatu u juvi, chjini chjini i medicinali, u sapuri cangiadi”

Avivadi propriu arraggiuni, u sapuri  da terra senza cuncimi eradi tuttu n’avutra cosa.

“Muni i pulizzamu, tajjiamu i cudicini e i lavamu sutta l’acqua correnti, puni i tajjiamu a mitati e hjiaccamu a purpa, ma ama stani accorti a nun tagliani a scorza, sinoni nun li putimu ghinchjia”

“Mi paridi nu pocu difficili”

“Noni ti fazzu vida, passami u curtilluzzu, u chjiu piccirillu”

CCu tanta cura nanna s’edi misa a hjiacchjiani chilli bbelle mulingianelle, i mani fermi e lesti

“Mitta a vulla na cunchetta, accussini attramenti l’acqua vulladi, hijia e finitu”

U cannaruzzu mijia sajjivadi e scindivadi sulamenti a penzani a chilli belli purpettelle ca mi putiva mangiani

“L’acqua vulla oji na’”

” E hijia signu pronta”

Vitta vitta jettavidi chilli muwangiani dintru l’acqua vullenti ppi fani scanda’, ma nun s’avivanu fani cocia troppu, sinoni si spappulijiavanu

“Attramenti ca si rifriddanu preparamu l’avutri cosi, pijjia u pani jiancu i duji jurni fani, u furmaggiu, u pitrusinu, l’ova di gallinelli e u sali”

“Sunu ggiani ccani supra u tavulinu oji na’, nun e persu timpu, nun vidu l’ura di mi mangiani ssi bbelle purpettelle”

“Cannaruta sini, propriu cumu a nonnitu. U cannaruzzu u vì quandu edi lungu, cchjiu cindi mitti e cchjiu cindi vani”

Mentri chilli mani sicchi sicchi smullichijiavanu u pani, hijia grattavu u furmaggiu alla grattacasa e tajjiavu u pitrusinu finu finu

“Ciù mittimu puru nu pocu d’ajjiu fijjice’?”

“Oji na’ si ciù vu mitta, ma nu pocarillu sinoni mi puzzadi u jiatu”

“Allura noni, avissami fani ca ti vena a truvani u zitu?” dissi nanna scialandusi di risati

“Ma quali zitu oji na’, signu ancora quatrarella, a vucca mijia puzzadi ancora du latti i mamma”

“Su dici tuni adda essa veru”

“Oji na’, attramenti ca ‘mpasti i purpetti cuntamillu nu fattu di tua”

“Mah! Vidimu quali ti puzzu cuntani. Ah sini! Chillu di fijji i maritani vistu ca n’avutru pocu puru tuni ci sini vicina”

“Oji na’, ‘nde mangiani panetti i pani prima i mi maritani, cunta cunta stajiu a senta”

“‘Ntra na campagna c’eranu na mamma e tri fijji i maritani, sindi stavanu dintru na vecchjia cucinella e supra u fucularu na cunchetta chjina d’acqua ca vullivadi. A mamma ccu nu sinali nivuru ligatu alli rini sijjivadi veti e cicorie, ogni tantu sumavidi a capu e guardavidi i fijji ca vulivadi maritani, dopu nu pocu cuminciadi a parlani:

<< Mi raccumandu, quandu venadi Pippinillu vuwa nun parlati, faciti fani a mmijia, stasira una i vuwa s’adda maritani >>

I tri fijji ridivanu cuntenti, quandu Pippinillu trasidi da porta. Nu bbellu giuwani venutu ppi ssi pijjiani na zita. Mentri ssu poviru svinturatu si sedadi a na seggia, a prima fijjia si mittadi a parlani:

<< Vulla a carara >>

A sicunda rispunda:

<< Pilla i folli e mitta >>

A terza arraggiata ccu i suri, si mittadi a sbraita’:

<< A dittu mamma ca nun avivamu palla’ nissunu, e mù, pillati pillati maritu >>

U poviru Pippinillu dispiratu, escia da chilla casa senza pijjiani mujjieri”

“Finalmenti na storia senza murti e animi dannati”

“Ogni tantu ci vodi. Frijimu ssi purpetti i muwangiani ca n’atru pocu arrivadi nonnitu. Pijjia a frissura e ll’ujjiu ca muni i facimu bballani ssi bbelle purpettelle”

L’adduri i l’ujjiu e di purpettelle eradi ‘ntra tutta a cucinella, n’adduri duci duci ca ti dicivadi mangia mangia. Puru i gatti ca sindi stavanu davanti u spandituru, si putivanu liccani i baffi. Nanna era na mastra e u sapivanu puru loru.

Le figlie da sposare

Nonna era chinata nell’orto, un paniere a terra, stava raccogliendo alcune melanzane; senza alzare la testa da quello che stava facendo si mise a parlare

“Vieni figlia! Sto raccogliendo due melanzane, tuo nonno desidera mangiare le polpette a pranzo”

“Nonna sempre lavorando sei!”

“La mattina fa’ la giornata. Mi sono alzata prima delle galline, ho annaffiato l’orto; lo sai, questo si deve fare all’alba, prima del sorgere del sole”

“Hai ragione, l’ho sempre detto che sei una botte di sapere”

“Andiamo! Non perdere tempo e prendi il paniere, mezzogiorno arriva presto”

Dicendo questo, afferra la piccola zappa appoggiata al muro della stalla e inizia ad incamminarsi verso la piccola casa

“Nonna sono proprio curiosa di vedere come prepari le polpette di melanzane, le tue hanno un sapore davvero speciale”

“Non sono io, ma le melanzane coltivate senza pesticidi, non sono come quelle comprate al mercato il giovedì, piene di medicinali”

Aveva proprio ragione, il sapore delle coltivazioni senza pesticidi erano tutta un’altra cosa!

“Ora puliamo per bene le melanzane, togliamo il peduncolo e le laviamo per bene sotto l’acqua corrente, dopodiché, le tagliamo a metà e incidiamo la polpa, ma bisogna stare attenti a non tagliare la buccia, altrimenti, non le possiamo riempire”

“Sembra difficile”

“No affatto, ora ti faccio vedere, passami il coltellino, quello più piccolo”

Con cura e maestrìa, nonna tagliava quelle belle melanzane appena raccolte, le mani ferme e svelte

“Metti a bollire l’acqua nella pentola grande, così, mentre bolle io finisco di tagliarle”

L’acquolina saliva e scendeva nella mia gola, al solo pensiero delle polpette di melanzane che di lì a poco avrei mangiato.

“L’acqua bolle nonna”

“E io sono pronta”

Svelta svelta, buttava le melanzane nell’acqua bollente per farle sobbollire, facendo attenzione a non cuocerle troppo.

“Mentre si raffreddano prepariamo gli altri ingredienti, prendi il pane bianco raffermo, il formaggio, il prezzemolo, le uova fresche e il sale

“Sono già sul tavolo nonna, non ho perso tempo, non vedo l’ora di mangiare le polpette”

“Golosona come tuo nonno! La gola vedi quanto è lunga, più ce ne metti e più ce ne va’”

Mentre quelle mani secche secche sbriciolavano la mollica del pane raffermo, io grattugiavo il formaggio e tritavo il prezzemolo.

“Aggiungiamo anche uno spicchio d’aglio?”

“Nonna se proprio ci tieni! Ma solo un poco, altrimenti, mi puzza l’alito”

“Allora no, dovesse venirti a trovare il fidanzato?” disse ridendo

“Ma quale fidanzato nonna! Sono ancora piccola, la mia bocca ha ancora il sapore del latte”

“Se lo dici tu, sicuramemte sarà vero”

“Nonna, mentre impasti le polpette, raccontami una delle tue storie”

“Mah! Vediamo quale posso raccontare. Ah sì! Quella delle tre figlie da sposare, visto che anche tu ci sei vicina”

“Nonna! Ne devo mangiare pagnotte prima di sposarmi. Racconta la storia sono tutt’orecchi”

“In una campagna c’era una mamma con tre figlie da fidanzare. Se ne stavano in una vecchia cucina, e sopra il fuoco una grande pentola piena d’acqua in bollore. La mamma aveva un grembiule nero legato in vita, stava pulendo bietole e cicorie, ogni tanto guardava le figlie in età da marito e dopo un poco iniziò a parlare:

<< Mi raccomando, quando arriva Peppino voi non parlate, lasciate fare a me; questa sera una di voi si deve fidanzare”

Le tre ragazze ridevano contente, quando Peppino entra dalla porta. Un bel giovane venuto per scegliere la sua futura sposa. Mentre il pover’uomo si accomoda sopra una sedia, la prima figlia inizia a parlare:

<< Bolle la carara (pentola) >>

La seconda rispose:

<< Plendi le folle (foglie, verdura) e metti >>

La terza arrabbiata con le sorelle urla:

<< Ha detto mamma che non dovevamo pallale (parlare) nessuno, e adesso pillate pillate (prendete) malito (marito) >>

Il povero Peppino disperato, esce da quella casa senza prendere moglie”

“Finalmente una storia senza morti e anime dannate!”

“Ogni tanto ci vuole. Friggiamo le polpette, tuo nonno sta’ per arrivare. Prendi la padella e l’olio, adesso le facciamo ballare”

L’odore dell’olio e delle polpette si sentivano per tutta la cucina, un odore dolce dolce che quasi diceva mangia mangia. Anche i gatti sdraiati sul pianerottolo si potevano leccare i baffi, nonna era un’esperta e lo sapevano anche loro!

 

@calabrisandoblog_inesfavorita26settembre2019

(storia raccontata da mia madre)

Un pensiero riguardo “I fijji i marita’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...